PianetaDonna

Lo Psicologo online
23 Giu

Stare in casa è un incubo

admin» Martedì 23 Giugno alle ore 15:06

farfalladl9.jpgPer piacere, mi aiuti a capire cosa ho e cosa posso fare per aiutare me stessa. Sono appena uscita da due anni terribili durante i quali una fortissima crisi depressiva mi ha quasi distrutto la vita. Prima ero allegra e sicura di me; ora, anche se sto molto meglio, rispetto a prima(vivevo incollata sul letto piangendo)  non ho riacquistato lagioia di vivere di un tempo e appena rimango un attimo sola mi blocco e non riesco a fare più niente.
Ho 24 anni e mi sento vecchia e  profondamente umiliata perchè sono due anni fuori corso all’università e lo studio è sempre stato la componente più importante della mia vita e la mia principale passione. Sto bene solo quando esco e c’è il sole, oppure se sono in compagnia di quache amico. Appena mi trovo sola in casa è un incubo: mi metto a piangere, mi dispero, mi metto a letto e rimango bloccata così anche per due giorni (di solito mi succede ogni fine settimana); nei giorni
“lavorativi”, invece, sono più o meno serena: vado in biblioteca a finire la mia (infinita) tesi, pranzo con gli amici, faccio qualche pausa al bar e la sera un bell’aperitivo in compagnia. Solitamente
torno a casa, sfinita, verso le nove e alle sei del mattino seguente mi sveglio, mi guardo attorno e mi viene un’ansia terribile, così mi vesto più in fretta che posso ed esco subito di casa(verso le 07:30);
vado al bar, faccio colazione non vedendo l’ora che apra la biblioteca…  Ho talmente tanta voglia di uscire di casa che non
riesco neanche a lavarmi adeguatamente la mattina, riesco a stento a darmi “una passata di spazzolino sui denti” e a lavarmi le parti intime, ma capita sempre più spesso che l’ansia di stare in casa sia cosi’ tanta che infilo i primi vestiti che trovo ed esco senza lavarmi completamente.

Per non cominciare a puzzare mi sono dovuta inventare che in casa non mi arriva più l’acqua calda, così chiedo a qualche
amica se posso lavarmi da lei… Poi c’è anche un’altra cosa molto strana: da un lato sono ossessionata dalla pulizia della casa,ma si limita solo al bagno ed alla cucina(che mi sembrano sempre sporchi e che pulisco ossessivamente ogni sera) in camera mia, invece, regna il casino lo sporco ed il disordine più totale e per quanto mi sforzi, non riesco mai a pulire, sistemare, togliere i piatti sporchi in giro o semplicemente infilare i vestiti dentro l’armadio togliendoli da
terra… il che è molto imbarazzante e fastidioso perchè mi impedisce di invitare persone in casa(tranne un paio di amici veramente intimi che sanno quello che ho passato e che sò non mi giudicherebbero mai male). Ultimamente, parlandone con i miei genitori, mi è stato suggerito di cambiare casa ed andare a vivere con qualche amica.

All’inizio mi ero entusiasmata all’idea, pensando che tutti i miei problemi derivassero dalla casa piccola e buia dove attualmente vivo quasi del tutto sola( l’altra inquilina è pendolare, viene si e no una volta a settimana e non è il massimo della simpatia…). Ora che il progetto di cambiare casa si sta concretizzando, sto cominciando adavere paura… e se non cambiassi? se il mio modo di vivere mi porta a ligare con le amiche con cui convivo? Se continuassi ad avere voglia di non lavarmi… ed ho tanta paura di fare questo passo, forse fondamentale per migliorare la qualità della mia vita. Spero di essere riuscita a dare un minimo di senso logico a questa lettera, prchè sono molto nervosa ed emozionata e sicuramente non riuscirò a rileggerla prima di inviarla. La  ringrazio per l’attenzione.

In questo passaggio della sua email:
‘e se non cambiassi? se il mio modo di vivere mi porta a ligare con le amiche con cui convivo?
Se continuassi ad avere voglia di non lavarmi… ed ho tanta paura di fare questo passo, forse fondamentale per migliorare la qualità della mia vita’
rivela tutta la sua insicurezza fra il deisderio del cambiamento ed il timore che possa essere peggio del presente che lei abbandona.
Invece, ritengo che il cambiamento qualunque conseguenza comporti, comunque l’ aiuterebbe ad uscire dalla gabbia in cui si è rinchiusa.
Entrerebbe in un altra gabbia, lei mi risponde. Ma comunque è un cambiamento e potrebbe preluderne altri finchè non arriva quello ‘giusto’.
Saluti.


Articoli correlati

3 Commenti per “Stare in casa è un incubo”

  1. CIAO SN UNA RAGAZZA DI 17 ANNI IO TI CONSIGLIO DI FARE UNA COSA SFOGATI TAGLIANDOTI TI SENTIRAI MEGLIO E SOPRATUTTO SE NN CI RIESCI A SUPERARE IL TUO PROBLEMA TOGLITI LA VITA COME FARò SICURAMENTE IO CIAO BUONA FORTUNA

  2. This information is off the hiozol!

  3. Roxana, sei di grande aiuto. D:

Aggiungi un commento

CAPTCHA image


DesMM Design